Nascondi Sommario

Tipi di contatto

È possibile applicare condizioni di contatto multiple per escludere l'impostazione di contatto globale, aggiungendo un contatto di componente e gruppi di contatto locali.

Senza compenetrazione Disponibile per gli studi statici, non lineari e del test di caduta. Questo tipo di contatto impedisce l'interferenza tra le entità di Gruppo 1 e Gruppo 2 ma consente la formazione di vuoti. Questa opzione richiede tempi lunghi per la soluzione.

Video: Contatto Senza compenetrazione

Unito Disponibile per tutti i tipi di studio in cui è richiesta la mesh. Il programma vincola le entità Gruppo 1 e Gruppo 2. Le entità possono essere a contatto o entro una piccola distanza l'una dall'altra. Nel caso in cui ci sia un gioco tra le entità, il programma invierà un messaggio di avvertimento su eventuali risultati incorretti tra le entità unite. L'utente può insistere nella definizione di un gruppo di contatto unito. Il software quindi rinforzerà un gruppo di unione a prescindere dalla tolleranza esistente tra le entità selezionate.
Selezionare le facce di destinazione. L'unione compatibile viene applicato attraverso il componente o il contatto globale. I gruppi di contatto unito locale con unione non incompatibile non sono supportati.

Contatto unito

Per uno studio con mesh mista (usata automaticamente dal programma) è possibile collegare le entità del Gruppo 1 (vertici, facce, giunti di travi, e travi) alle facce del Gruppo 2. I vertici, bordi e le facce possono appartenere a shell o solidi. Il comportamento della porzione unita dipende dal tipo di entità di origine, se solide o shell. Se l'entità appartiene a uno shell o una trave, l'unione si comporta da connessione rigida, dove l'angolo originale tra lo shell o la trave e i solidi viene mantenuto durante la deformazione. Se invece l'entità appartiene a un solido, l'unione si comporta da cardine, dove l'angolo originale tra lo shell e il solido non viene mantenuto per forza.

Il mesher unisce le aree in comune delle facce di origine e di destinazione. La rigidità della connessione dipende dalla dimensione degli elementi in prossimità dell'interfaccia. Per migliorare la precisione, impostare una dimensione degli elementi sulla faccia di destinazione uguale allo spessore dello shell (in assenza di saldature). Se si usa una saldatura, la dimensione degli elementi sulla faccia di destinazione deve essere uguale a quella della saldatura.
Forzamento Disponibile solo per gli studi statici e non lineari. Selezionare le facce di due componenti con interferenza reciproca iniziale. Selezionare Strumenti > Rilevamento interferenze per verificare l'interferenza.
Consenti compenetrazione Disponibile per gli studi statici, non lineari, della frequenza, del carico di punta e del test di caduta. Il programma tratta le facce del Gruppo 1 e del Gruppo 2 (sorgente e destinazione) come disgiunte. Per gli studi statici e non lineari, ai carichi è permesso causare interferenze tra le parti. L'utilizzo di questa opzione consente di risparmiare tempo durante la soluzione se i carichi applicati non causano interferenza. Utilizzare questa opzione SOLO se si ha la certezza che i carichi non provocheranno interferenze. Rappresentare graficamente la forma deformata con un fattore scalare di 1,0 per verificare l'interferenza. Solo le entità di Gruppo 1 e Gruppo 2 sono richieste per la definizione di questo tipo di contatto.

Contatto libero

Parete virtuale Disponibile solo per gli studi statici. Questo tipo di contatto definisce il contatto tra le entità del Gruppo 1 e una parete virtuale definita da un piano di destinazione. Il piano di destinazione può essere rigido o flessibile. È possibile definire l'attrito tra le entità del Gruppo 1 e il piano di destinazione presupponendo un valore diverso da zero per il coefficiente di attrito.
Isolato Disponibile solo per gli studi termici. Questa opzione è simile all'opzione Consenti compenetrazione per gli studi strutturali. Il programma tratta le entità di Gruppo 1 e Gruppo 2 come disgiunte. Il software impedisce il flusso di calore dovuto alla conduzione tra le entità di Gruppo 1 e Gruppo 2.
Resistenza termica Disponibile solo per gli studi termici. Questa opzione consente di superficie la resistenza termica tra le facce di Gruppo 1 e Gruppo 2.


Fornisci il feedback su questo argomento

SOLIDWORKS apprezza il feedback degli utenti relativamente alla presentazione, la precisione e l'esaustività della documentazione. Usare il modulo riportato di seguito per inviare i propri commenti e suggerimenti su questo argomento direttamente al nostro team della documentazione. Questo team non è in grado di rispondere a domande di natura tecnica. Fare clic qui per informazioni sul supporto tecnico.

* Obbligatoria

 
*Email:  
Oggetto:   Feedback sugli argomenti della guida
Pagina:   Tipi di contatto
*Commento:  
*   Confermo di aver letto e accettato l'informativa sulla privacy che regola l'utilizzo dei miei dati personali da parte di Dassault Systèmes

Stampa argomento

Selezionare il contenuto da stampare:



x

L'utente utilizza una versione di Internet Explorer precedente alla versione 7. Per una visualizzazione ottimale, consigliamo di fare l'upgrade del proprio browser a Internet Explorer 7 o successiva.

 Non mostrare nuovamente questo messaggio
x

Versione contenuto guida Web: SOLIDWORKS 2014 SP05

Per disattivare la guida Web dall'interno di SOLIDWORKS e usare invece la guida locale, fare clic su ? > Usa la guida Web di SOLIDWORKS.

Per segnalare i problemi riscontrati con l'interfaccia e la funzionalità di ricerca della guida Web, contattare il rappresentante del supporto locale. Per fornire un feedback su singoli argomenti della guida, usare il link "Feedback su questo argomento" nella pagina del singolo argomento.